RetroMagazine 22

Ma quanto siamo fortunati?

Probabilmente parlare di fortuna nel bel mezzo di una pandemia puo’ suonare strano, ma noi vogliamo essere positivi o almeno provare a vivere la nostra passione come abbiamo sempre fatto.

Ne parlavo proprio una di queste sere in chat con Marco Pistorio, ma quanto siamo fortunati noi appassionati di retrocomputer e retrogamer? Quanti appassionati o collezionisti di altro materiale hanno la nostra stessa fortuna di veder realizzati i sogni che coltivavano da bambini/ragazzi?

Pensateci bene… Probabilmente il sogno di molti di noi quando eravamo adolescenti era quello di possedere una sala giochi in casa. Ebbene, gia’ da diverso tempo e’ un sogno facilmente realizzabile tramite il MAME.

Quanti di noi da piccoli avevano un computer e magari sognavano di possedere anche un altro modello? Ebbene anche questo oggigiorno e’ facilmente realizzabile acquistando computer in mercatini reali o virtuali. E’ vero che alcune di queste macchine hanno raggiunto prezzi relativamente alti, ma si tratta sempre di cifre che chiunque piu’ o meno puo’ permettersi.

Manca lo spazio in casa? La moglie/ragazza/convivente si lamenta per i troppi ferrivecchi in casa? Via di emulatori…
Con gli emulatori e’ possibile ormai avere a portata di mano qualsiasi computer/console che il mercato abbia prodotto negli ultimi 40 anni. Parlo per esperienza personale; non ho un Amstrad CPC ma ho sempre sognato di possederlo e di smanettare con il suo parco software. Con l’emulatore posso provare tutto il software che voglio. E’ vero, l’hardware originale è tutt’altra cosa, ma almeno posso placare la mia voglia in attesa di trovare l’occasione giusta.

Quanti di noi sbavavano di fronte alle copertine di videogiochi o alle mille cassettine che vedevamo nelle edicole? Ovviamente potevamo comprarne solo una parte e quindi rimaneva l’amaro in bocca per quello che era rimasto sullo scaffale. Adesso molti giochi sono abandoware e possono essere scaricati e giocati da tutti; per non parlare dei giochi da edicola che possono essere facilmente scaricati dal sito Edicola 8 bit.

Beh, convenite con me che siamo fortunati o no? Pensate se la nostra passione fossero state le auto d’epoca… Bellissime per l’amor di Dio ma decisamente inarrivabili in termini economici e di spazio richiesto… Cosa ne pensate? Vi sentite fortunati o no? E perche’? Fatecelo sapere scrivendo alla nostra mailbox redazionale.

Per chi fosse interessato/a a collaborare con la Redazione, può scrivere all’indirizzo: retromagazine.redazione@gmail.com. E adesso andate a leggervi la riflessione di Marco in quarta di copertina e godetevi questo numero almeno quanto noi ci siamo divertiti a crearlo!

Francesco Fiorentini