PowerBook

 

Dalla loro introduzione i PowerBook hanno registrato un notevole successo di vendite, che ha permesso ad Apple di affermarsi tra i leader nel mercato dei portatili e notebook. Oggi la famiglia è composta da modelli con processore 68040 (PowerBook 150 e la serie 190) e da modelli con microprocessore PowerPC 603e a varie velocità (la serie 5000), che offrono prestazioni migliorate rispetto ai loro predecessori e un miglior rapporto prezzo/prestazioni. Sono computer portatili, piccoli, leggeri e facili da usare, ma che non per questo hanno rinunciato alle prestazioni. I PowerBook sono semplici da collegare ad altri computer, o a reti remote e consentono all’utente di comunicare con semplicità con altri personal.

Tutti i PowerBook incorporano il software per lo scambio di file con computer Dos e Windows, il collegamento in rete e per la condivisione dei documenti, così, tornando in ufficio, è possibile aggiornare manualmente (o in automatico con il pacchetto PowerBook File Assistant) qualsiasi computer presente sulla rete con il lavoro svolto a casa. Inoltre con il software AppleTalk Remote Access Client, il collegamento a qualsiasi rete remota attraverso la rete telefonica viene notevolmente semplificato.

I PowerBook sono stati progettati tenendo in considerazione tutti i parametri di ergonomicità per permettere di lavorare in modo comodo e naturale. Per esempio, il piano presente alla base della tastiera permette di appoggiare il palmo delle mani, riducendo le tensioni ai polsi che possono verificarsi lavorando con altri portatili. Il mouse viene sostituito su PowerBook 150 da una trackball utilizzabile sia con la mano destra sia con la sinistra, senza per questo spostare le dita dalla tastiera. Su tutti gli altri modelli è invece presente il trackpad, un innovativo dispositivo privo di parti mobili a diretto contatto con le dita, preciso, ergonomico ed efficace. Il software Striscia di Controllo consente, direttamente dalla scrivania del PowerBook, la gestione dell’energia nonché l’accesso e l’impostazione dei controlli di numerosi componenti di sistema come disco rigido, condivisione dei file e volume audio.

Ogni PowerBook dotato di modem può collegarsi a un altro Macintosh con AppleTalk Remote Access. In qualsiasi luogo, da casa, dall’hotel o dall’ufficio di un cliente: basta digitare il proprio nome, la password e il numero di telefono dell’altro Macintosh per poter scambiare informazioni fra i due sistemi. Se l’altro Macintosh è connesso a una rete AppleTalk è possibile accedere alle stampanti, ai server e a tutte le risorse della rete, come se si fosse fisicamente presenti in ufficio. Inoltre tutti i PowerBook (tranne il 150) dispongono della connessione Ethernet opzionale tramite scheda PC Card.

Tecnologia a infrarossi per comunicare in modo semplice

Apple ha reso estremamente semplice il networking wireless unendo la tecnologia a infrarossi e la facilità di utilizzo di AppleTalk. Grazie alla funzionalità incorporata di IR File Exchange, i PowerBook 5300 possono individuare computer compatibili equipaggiati con dispositivi a infrarossi e collegarvisi automaticamente. Nella famiglia 190 questa funzionalità è opzionale. Apple IR File Exchange prepara in automatico cartelle di deposito file per gli ospiti, in modo che sia possibile condividere file semplicemente trascinandoli nelle cartelle ospite appropriate. Per prevenire la copia o la cancellazione non autorizzata dei file, Apple IR File Exchange consente la copia di file solo nelle cartelle ospite. Tuttavia, ove l’utente necessiti del pieno accesso al disco, può attivare la funzione di Condivisione e condividere i file via collegamento a infrarossi come su una rete cablata tradizionale.

La velocità di trasferimento di Apple IR File Exchange è di 230,4 Kbit per secondo, tipica di LocalTalk

Connettori PC Card

I connettori PC Card forniscono flessibilità nelle opzioni di comunicazione. Con due connettori PC Card Tipo II (uno tipo III) PowerBook 5300 consente la personalizzazione del notebook per esigenze specifiche di comunicazione, archiviazione e input attraverso la vasta gamma di modem ad alta velocità, schede di networking, dischi rigidi e altro esistente in standard PC Card. I connettori PC Card Apple sono pienamente compatibili con la versione 2.1 dello standard PC Card e Socket Services; pertanto l’utente può attendersi il perfetto e immediato funzionamento di ogni scheda PC Card provvista di un driver software per Macintosh. Per agevolare ulteriormente l’utilizzo delle schede, Apple fornisce sul disco rigido numerosi driver per modem, dispositivi di archiviazione e Ram statica, in modo che l’utente possa acquistare le schede in oggetto (purché conformi allo standard PC Card e Socket Services 2.1) e avere la sicurezza del loro funzionamento.

Alloggiamento di espansione

Le funzionalità di PowerBook 5300 possono anche essere personalizzate mediante l’alloggiamento per le espansioni. L’unità floppy rimovibile del computer può infatti essere sostituita da un’ampia gamma di dispositivi opzionali di terze parti. L’alloggiamento utilizza un connettore Ide standard per l’aggiunta di dischi rigidi, magneto-ottici o rimovibili, alimentatori interni o altro ancora. Tali prodotti verranno presto resi diffusamente disponibili da parte di numerosi produttori indipendenti. Gli utenti che desiderano la configurazione più leggera possibile possono rimuovere l’unità floppy e sostituirla con il PC Card Storage Tray compreso nella confezione, che ospita quattro schede PC Card tipo II o due schede tipo III. L’installazione del Card Storage Tray porta il peso del computer a circa 2,5 chilogrammi.

Macintosh PowerBook 150

È il modello più economico della linea di notebook Apple ed è progettato per studenti, utenti individuali in ambito domestico e professionale e utenti desktop con esigenze occasionali di un secondo sistema, ma anche per nuovi utenti che fanno il loro primo ingresso nel mondo dell’elaborazione mobile.

Con un peso di soli 2,5 kg, PowerBook 150 è basato su un processore 68030 a 66/33 MHz e possiede uno schermo da 9,5″ a 4 livelli di grigio, un disco rigido da 250 Mb e 4 Mb di Ram (espandibile sino a 40 Mb). Il tutto in un peso di circa 2,5 kg.

PowerBook 150 offre grande espandibilità con la propria porta Scsi incorporata per il collegamento di dischi rigidi, scanner, stampanti e unità Cd-Rom. Il networking incorporato consente la connessione a stampanti e file server, mentre un fax/modem opzionale permette di inviare/ricevere fax e connettersi ai servizi di informazione preferiti.

Macintosh PowerBook 190

Con l’annuncio dei PowerBook 190 e 190cs, Apple ha offerto prestazioni e funzionalità prima accessibili solo al top della gamma PowerBook con la serie 500. PowerBook 190 stabilisce nuovi standard di rapporto prezzo/prestazioni e costituisce una soluzione notebook completa con una gamma estesa di opzioni di aggiornamento ed espandibilità. Il nuovo modello si rivolge alle attività professionali individuali e home-office, ai settori didattico e home, così come agli acquirenti del primo computer o del primo PowerBook.

Basato sullo stesso progetto e ingombro della famiglia 5000, il nuovo PowerBook 190 ne supporta anche numerose opzioni come i connettori PC Card incorporati, in grado di ospitare due schede PC Card tipo II o una di tipo III, che conferiscono agli utenti ampie possibilità di espansione e personalizzazione del sistema con dischi rigidi, modem ad alta velocità e schede di networking. Dato che un altro fattore importante per l’utente è la compatibilità, è possibile inserire in PowerBook 190 numerose schede PC Card del mondo Intel e continuare a lavorare senza dover riconfigurare il sistema. Nella configurazione è compresa un’unità floppy standard che, se rimossa, lascia spazio a un’ampia gamma di prodotti di terze parti come dischi rigidi, magneto-ottici, supporti rimovibili o alimentatori interni. Tutti i moduli sono intercambiabili tra la serie 190 e quella 5000.

PowerBook 190 è la scelta ideale per quanti cercano un notebook completo a prezzo accessibile. La dotazione di serie comprende un processore 68LC040 Motorola a 66/33 MHz e uno schermo a colori a scansione doppia da 10,4” o in toni di grigio a matrice passiva da 9,5”. La trackpad Apple è migliorata e ora offre la possibilità di fare clic, doppio clic e trascinare direttamente sul dispositivo, senza dover agire su un pulsante supplementare.

Il software incorporato in PowerBook 190 consente all’utente di lavorare, giocare e collegarsi via modem o in rete senza acquistare software aggiuntivo. I titoli software inclusi nella configurazione comprendono tra l’altro ClarisWorks, eWorld (completo di un programma per la navigazione di World Wide Web), software di sicurezza a password, compatibilità, comunicazione e giochi. Questi ultimi consistono in Eric’s Solitaire Sampler di Delta Tao più Spin Doctor e Super Maze Wars, di Callisto. Super Maze Wars è un gioco di combattimento che può essere giocato da più partecipanti collegati in rete a infrarossi.

PowerBook 190 può essere aggiornato al modello 5300, in modo che l’utente possa salvaguardare un eventuale investimento iniziale con l’aumento della potenza di elaborazione non appena crescono le sue esigenze. Le opzioni comprendono aggiornamento a PowerPC della scheda logica, collegamento in rete a infrarossi, uscita video e schermo a colori a matrice attiva da 10,4” (per quest’ultimo è richiesto l’aggiornamento a PowerPC). Poiché PowerBook 190 utilizza gli stessi connettori PC Card e alloggiamenti espansione del modello 5300, l’utente può valorizzare gli investimenti già effettuati in periferiche e dispositivi opzionali. Il prodotto è disponibile in varie configurazione a partire da 4 Mb di Ram e 500 Mb di hard disk.

Macintosh PowerBook 5300

Basati sul processore PowerPC 603e a 100 e 117 MHz, i PowerBook 5300 offrono all’utenza le prestazioni necessarie per utilizzare su un computer notebook nuove applicazioni di grafica complessa, impaginazione e presentazioni sofisticate, ma anche un progetto aperto che facilita l’aggiunta di periferiche innovative e la condivisione di file più semplice del mondo via collegamenti a infrarossi. I PowerBook 5300 uniscono la potenza di elaborazione del processore 603e ai vantaggi tradizionalmente offerti da Apple in fatto di facilità di utilizzo, progettazione, comunicazioni e integrazione tra hardware e software, per fornire a tutti gli utenti del mondo del lavoro e della didattica la migliore soluzione esistente per il computer mobile, indipendentemente dalla piattaforma desktop di ciascuno.

La famiglia 5300 offre all’utente professionale e didattico prestazioni Risc a livello desktop in un insieme compatto e portatile. Grazie al suo processore Risc fornisce difatti altissime prestazioni in un insieme più compatto (di oltre 2 cm) e più leggero (di mezzo chilo) della precedente linea di punta Apple. Le configurazioni di PowerBook 5300 prevedono una dotazione standard di 8, 16 o 32 Mbyte di DRam espandibili a 64 Mb, schermo a colori da 10,4” con tecnologia a matrice attiva o a doppia scansione e disco rigido interno da 500, 750 o 1.100 Mb. La tecnologia di comunicazione a infrarossi è standard su tutti i modelli.

Apple PowerBook Duo

Il PowerBook Duo unisce la potenza e la versatilità del computer desktop alla praticità e flessibilità delle macchine portatili. Inserendo un Duo nella sua stazione da scrivania (che si collega ad una varietà di periferiche e risorse di rete) l’utente ha un sistema desktop completo in ufficio, comprensivo di tastiera standard, monitor a colori e possibilità di espansione, e un potente notebook da portare con sé.

Il Sistema Duo è composto da tre parti: un computer notebook PowerBook Duo, il Duo Dock e la tecnologia di aggancio PowerLatch che consente il passaggio veloce e sicuro tra le due modalità operative del sistema.

PowerBook Duo 2300c 

È basato sul processore PowerPC 603e a 100 MHz, ha uno schermo a colori a matrice attiva da 9,5”, 8 Mb di Ram (espandibili a 56) e un disco rigido da 750 Mb. La trackball centrale dei modelli precedenti è stata sostituita dalla trackpad migliorata Apple, che ora consente all’utente funzioni come doppio clic e trascinamento senza bisogno di utilizzare pulsanti accessori. Il tutto con peso di soli 2,2 Kg e spessore di 3,8 centimetri. Le batterie all’idruro di metallo (NiMH) offrono circa 2-4 ore di autonomia.

Come tutti i computer Macintosh, i PowerBook Duo sono completi di sistema operativo System 7.5 e software di rete AppleTalk, per facilitare la connessione e la condivisione di file con altre macchine. Grazie al software AppleTalk Remote Access e a un modem, gli utenti possono inoltre collegare PowerBook Duo a una rete remota di altri computer Macintosh, attraverso una linea telefonica.

PowerBook 2300 è completamente compatibile con gli accessori, le periferiche e le basi di espansione esistenti per la serie 200. Ciò significa che gli investimenti effettuati nella serie 200 valgono anche per il nuovo subnotebook. Inoltre, gli utenti che desiderano aggiornare i loro Duo attuali possono farlo per mezzo di un aggiornamento integrale della scheda logica. Sono aggiornabili tutti i modelli Duo della serie 200, ossia 210, 230, 250, 270c, 280 e 280c.

Duo Dock

Quando l’utente ritorna al suo posto di lavoro è sufficiente inserire il PowerBook Duo nel Duo Dock, collegabile a un monitor a colori di grandi dimensioni (fino al monitor a colori Macintosh da 16″), a una tastiera standard e a stampanti e server di rete. Duo Dock contiene due connettori NuBus per l’aggiunta di schede e un’unità floppy interna. Nella versione Duo Dock 230 è presente internamente anche un disco rigido da 230 Mb e un’interfaccia Ethernet incorporata, supporto di monitor a colori fino a 21″ (con visualizzazione di 256 colori sul 21″ e di migliaia di colori su monitor fino a 16″) e prestazioni superiori, grazie a una cache integrata e a un’unità di calcolo in virgola mobile (Fpu).

La tecnologia di aggancio

Ciò che consente all’utente di Sistema Duo di cambiare rapidamente e con facilità le sue condizioni di lavoro è la tecnologia PowerLatch di Apple. I sistemi tradizionali vengono superati dalla tecnologia PowerLatch, mediante la quale è sufficiente inserire PowerBook Duo nel Duo Dock e premere il pulsante di avvio per disporre di una stazione desktop pienamente funzionante in tutte le sue opzioni, compresi i collegamenti di rete e l’accesso alle periferiche senza dover riconfigurare nulla. Il punto di connessione tra notebook e Duo Dock è uno solo e non vi è necessità alcuna di collegare cavi supplementari, neppure in caso di utilizzo di un modem. PowerBook Duo viene agganciato automaticamente nella posizione corretta e collegato con sicurezza al Duo Dock. Sullo schermo compare inoltre, nelle situazioni appropriate, un messaggio che invita a non rimuovere il notebook dalla stazione prima di avere salvato il lavoro; una misura di sicurezza aggiuntiva per le informazioni memorizzate.

Periferiche opzionali

Il Sistema Duo offre una serie di periferiche e accessori mirati alla facile personalizzazione del sistema. Uno dei più importanti è MiniDock, una versione ridotta del Duo Dock. MiniDock consente il collegamento a un monitor esterno, tastiera standard, mouse e stampante, ma pesa meno di 600 grammi ed è sufficientemente compatto da risultare trasportabile insieme a PowerBook Duo. MiniDock consente anche l’utilizzo contemporaneo dello schermo del notebook e di un monitor esterno. E, utilizzando la sua porta Scsi, è possibile collegare il PowerBook Duo a un altro Macintosh come disco rigido, permettendo così lo scambio, la copia e la manipolazione dei documenti con la massima facilità.

Tutti i Duo incorporano la tecnologia di risparmio energetico EverWatch, che estende l’autonomia di questi notebook – equipaggiati con batterie all’idruro di nichel o all’idruro di metallo – fino a un massimo di 6 ore tramite la disattivazione dei componenti momentaneamente non utilizzati, quali microprocessore, disco rigido, modem e retroilluminazione dello schermo.

Un’altra importante opzione a disposizione di PowerBook Duo è Express Modem, un fax/modem in grado di offrire velocità di trasferimento dati di 14.400 bit per secondo (57.600 applicando le tecniche di compressione incorporate) nonché ricezione e invio di fax a 9.600 bps e riconoscimento ottico dei caratteri (Ocr). Il modem supporta l’insieme dei comandi AT Hayes e gli standard industriali di controllo degli errori e compressione dei dati, per garantire il massimo delle prestazioni e dell’affidabilità. Express Modem impiega un design software/hardware avanzato che elimina l’interfaccia seriale tra il modem e il computer.